Verso l段nfinito Storie, sogni, ricordi

di

Laura Fajella


Laura Fajella - Verso l段nfinito Storie, sogni, ricordi
Collana "I Gigli" - I libri di Poesia
14x20,5 - pp. 62 - Euro 8,50
ISBN 978-88-6587-8125

Clicca qui per acquistare questo libro

Vai alla pagina degli eventi relativi a questo Autore


In copertina: ォMarina. Veduta dal Pontile di Ostia fotografia di Laura Fajella


Prefazione

Il libro 天erso l段nfinito, di Amedeo Millefiorini e di sua moglie Laura Fajella, raccoglie le esperienze vissute grazie ad un emozionante recupero memoriale sempre accompagnato da profonde riflessioni sulla vita, che nascono dall段ncessante scandaglio del mondo interiore e dalla volont di porre, a caposaldo della loro visione, la concezione dell誕more puro ed autentico, e tale intenzione rappresenta il filo sotterraneo che unisce tutte le composizioni del libro come ad incarnare la fedele espressione poetica e narrativa della profonda umanit di Amedeo Millefiorini.
L段ntenso dialogo lirico diventa una sorta di testimonianza esistenziale, offerta con il cuore e a piene mani, che riconduce al percorso umano di Amedeo Millefiorini, alla sua visione dell弾sistenza, resa con prosa poetica e permeata da slanci emozionali, che riporta alla luce le 登ccasioni della vita e le molteplici manifestazioni del vivere che hanno contrassegnato il suo percorso.
La narrazione memoriale riconduce ai primi ricordi della sua vita, legati ad una piccola casa nella zona di Porta Pia, a Roma, dove viveva con i genitori e la sorella maggiore Leandra, e la mente ritorna all段mmagine del balcone, luogo 都acro, con i vasi di gerani, simbolo di un periodo felice e denso di speranze, quando il 菟adre lavorava in banca e la madre faceva la maestra elementare.
Dal suo scrigno della memoria Amedeo Mllefiorini recupera i ricordi delle storie narrate dalla madre, le immagini del padre che giocava a carte nel bar latteria, gli anni trascorsi nella scuola elementare Don Bosco con i ricordi affettuosi dei suoi insegnanti e, in seguito, nella scuola media Menenio Agrippa con il ricordo delle parole di un insegnante: 哲ella vita tu puoi fare quello che vuoi perch, dalle mie parti, i tipi come te li chiamano Maghi.
E, poi, tornano alla mente i vari trasferimenti con la famiglia, finch inizia a frequentare il ginnasio al Liceo Torquato Tasso, durante un periodo in cui 渡on confidava a nessuno i suoi segreti ed era 鍍imido con le ragazze, eppure sbocci l誕more dell誕dolescenza, inevitabilmente 都truggente ed impossibile.
La consapevolezza che la vita porta sempre con s cambiamenti inaspettati e metamorfosi imprevedibili diventa sempre pi forte e si iscrive alla Facolt di Medicina e Chirurgia dell旦niversit degli Studi di Roma: affronta la nuova esperienza con grande entusiasmo e, inevitabilmente, si alternano vari rapporti sentimentali.
In questo periodo della sua vita, ormai ventenne, comincia a frequentare alcuni sacerdoti e mistici per ricercare una dimensione spirituale che avvicini al significato pi autentico dell弾sistenza, alimentato anche da un forte senso di devozione e propensione alla meditazione.
La vita scorre veloce, costellata da sogni e speranze, ferite da cicatrizzare e tempeste sentimentali da metabolizzare, e quando la sorella Leandra si sposa, pare ritrovare la serenit, gli affetti pi cari e le amicizie, seppur sente incombere su di s il costante peso della solitudine e l段mmancabile senso di malinconia che lo pervade.
Quando vince il concorso per la Scuola di Specializュzazione in Dermatologia e, poi, alla Clinica Dermatologica del Policlinico Umberto I, la sua vita ad un誕gognata svolta e vi sono alcuni incontri importanti come quello con Luana, ma, purtroppo, l誕more, ben presto, finisce e si rende conto che il suo destino ancora di 田amminare da solo.
ネ volontario all丹spedale Civile di Pescara ed inizia una sorta di rinascita che comporta ritrovate motivazioni, ma dopo la relazione con Federica, l弾nnesimo amore vissuto come fosse un 都ogno stupendo, ritorna a Roma e decide di vivere una 渡uova vita.
L置niverso emozionale di Amedeo Millefiorini deflagra nel costante recupero memoriale, tra dolci ricordi della giovinezza e amorevoli rimembranze legate alla sua famiglia, tra vicende sentimentali e travaglio interiore, tra immagini pervase di profondo amore e rivisitazioni del faticoso cammino: e tutto il mondo interiore si miscela in una poetica della memoria.
Mentre sfoglia questo libro della memoria, con velata nostalgia e sommessa contemplazione, emerge la consapevolezza che la vita un soffio di vento, fugace ed imprevedibile, che scivola via dalle mani come sabbia finissima e, proprio per questo motivo, merita di essere vissuta intensamente, giorno per giorno: nonostante il fatto che le sue parole siano sovente velate di tristezza, emerge prepotente la sua concezione esistenziale che dominata dal 途icordo del tempo andato quando 澱astava poco per essere felici e dal desiderio di 田ercare la gioia nelle piccole cose della vita: siano esse il ricordo del padre che comprava il gelato per tutta la famiglia ed era 田ommovente il suo entusiasmo di bambino o una passeggiata domenicale a Villa Borghese; le sospirate pause a Roma durante le afose estati o la Madonna dal manto celeste nella Chiesa di San Giuseppe al Nomentano; i dolci maritozzi alla panna o il famoso 澱rodetto di pesce dell誕mato cognato Giuseppe, grande amico di sua moglie Laura.
Dopo aver percorso la sua faticosa strada, torna alla luce con limpidezza, il sogno ricorrente che ogni notte lo confortava con la figura di un 殿ngelo dai capelli d弛ro, gli 登cchi profondi come il mare ed il suo 堵razioso sorriso: una sorta di sogno segreto che, nella fantasia, donava al suo cuore la speranza, spingeva ad amare la vita e, con la sua magia, illuminava il silenzio delle solitarie notti.
Nel tempo presente assurge, a completamento del ciclo esistenziale, il suo grande amore per la moglie Laura, donna che incarna la gioia di 砺ivere insieme ogni istante della vita, capace, con la sua presenza, di allontanare le oscurit ed il senso di solitudine che lo attanagliavano nel passato, e rendere 杜igliore la sua vita: non a caso, nella poesia che apre il libro, la buona 殿ranciata preparata con tanto affetto per la moglie Laura, diventa simbolo dell誕more vero, della fedelt nell誕more e della serenit dell誕nimo, capaci di risanare dopo la fatica quotidiana del vivere.
Amedeo Millefiorini racconta la sua vita a cuore aperto, con animo semplice e grande generosit: il complesso ed intenso recupero memoriale alimenta la sua Parola lirica, che offre sempre spiragli luminosi e permette di accarezzare i sogni, superando le malinconie e le inquietudini e, ancor pi, mette in risalto il profondo senso religioso che lui ha sempre custodito nell誕nimo.

Massimo Barile


Introduzione

In questa sua terza opera Amedeo Millefiorini scopre una vena narrativa autobiografica che si esprime in piacevoli racconti. Essi si inseriscono nella trama di un弾sistenza intessuta di esperienze e di sentimenti autentici.
Perch il titolo 天erso l段nfinito? Perch l但utore si muove alla ricerca di valori elevati ai quali perviene visitando dei luoghi a lui cari. Infinito il mare azzurro che si ammira dal Pontile di Ostia, dove le onde si susseguono incessanti come i ricordi del passato. Infinito il cielo nebbioso di un mattino invernale che si osserva dalla finestra dell誕ppartamento in cui vive Amedeo, e nel guardarlo ci si perde cercando il senso della vita.

In questa alba solitaria il pensiero vaga lontano;
torno a rimpiangere le cose del passato
che allora non sono riuscito a capire.
Infine trovo la felicit che ho cercato
invano per tanti anni credendo in falsi miti;
mentre nasce il nuovo giorno, comprendo
che la mia vita stupenda e irripetibile.

(鉄uggestioni all誕lba)

Infinito l誕more di Amedeo per il suo quartiere,
Verso le 11 del mattino ci rechiamo
a piazza Regina Margherita
Questa piazza abbastanza grande,
tranquilla, con ampi spazi pedonali,
abbellita da alcuni anni con aranci selvatici
e con delle panchine in muratura;
l誕rea delimitata da palazzi d弾poca,
intorno si affacciano degli esercizi pubblici.

(鏑uglio 2013)

la sua famiglia di origine, sua moglie. L誕ffetto per Laura a volte lo rende allegro (鏑誕ranciata), certe altre lo rattrista (填n mattino ti sveglierai) o fonte di amarezza (填n grande amore), ma tanto grande da dare un senso alla sua vita.

Adesso l誕more si esprime
con piccole attenzioni, parole non dette,
con gentilezze significative. Questi sono giorni
meravigliosi, perch abbiamo scoperto la gioia
di vivere insieme ogni istante della vita.

(填n amore, una vita)

Questi profondi sentimenti unitamente ai ricordi del passato inducono l但utore a guardare verso il cielo immenso e lo avvicinano a Dio.
La moglie Laura ha aiutato con entusiasmo Amedeo nella creazione di quest弛pera. Ha fornito la fotografia della copertina, ha scelto con lui i temi da trattare, ha collaborato validamente nella correzione dei testi. Per questi motivi Amedeo ha voluto che Laura figurasse quale seconda autrice di 天erso l段nfinito. Storie, sogni, ricordi.

Alfredo Ioannilli


Verso l段nfinito Storie, sogni, ricordi


L但RANCIATA

Nei pomeriggi d段nverno,
quando fuori fa freddo
e fa buio presto,
estraggo dal frigorifero
una bella arancia dorata.
La appoggio sulla tovaglia bianca
decorata con fiori blu
del tavolo della cucina;
la taglio con precisione in due met
che giro allo spremiagrumi.
Poi verso il succo dell誕rancia
in un bicchiere di vetro verde;
aggiungo la polpa versandola
dallo spremiagrumi ed infine
tolgo con cura i semi con il cucchiaino.
Attendo qualche istante
per far riscaldare l誕ranciata
a temperatura ambiente
e la porto a Lauretta.
Resto in silenzio a guardare
lei che beve contenta
il suo bicchiere di spremuta.
Per me non ci sar mai un誕ltra donna
perch per nessuna potrei preparare
un誕ranciata con altrettanto amore.

Roma, 22-27 aprile 2013


VERSO L棚NFINITO

Mia madre mi raccontava questa storia
che io ascoltavo sempre con piacere:
轍uella mattina la maestrina
era uscita molto presto
per respirare l誕ria fresca
e i profumi della primavera.
Giunse alla piazza del paese
dominata dalla Torre dell丹rologio
ed accanto alla fontana
vide la mamma di Giorgio,
uno dei suoi scolari pi cari.
La donna era vestita di nero
e stava in piedi, immobile,
accanto a una piccola bara bianca
appoggiata per terra.
La maestra si avvicin intuendo
che era accaduto qualcosa di terribile.
La povera madre non aveva pi lacrime
e le disse a bassa voce,
con lo sguardo perso nel vuoto,
che Giorgetto era stato ucciso
da un proiettile vagante,
vittima innocente di quella guerra
orrenda e senza fine.
La maestra cerc di confortare
la donna angosciata, ma non riusc
a trattenere il pianto.
Poco dopo le due giovani
si abbracciarono; poi la sventurata
si mise un fazzoletto sul capo,
e vi pose sopra la piccola bara bianca
per recarsi a dare sepoltura al bambino.
Si incammin verso la campagna,
nella luce incerta del mattino,
perdendosi lontano, verso l段nfinito.
Quel giorno la maestrina
cerc di tenere lezione, ma non ci riusc;
fece fare ai bambini un po di ricreazione
e pianse di nascosto sul registro.
Pensava che non avrebbe pi rivisto Giorgetto,
attento e sorridente al suo posto
in fondo all誕ula, vicino alla finestra.
Il bambino ormai era in cielo,
tra gli angeli celesti, vicino a Ges,
ma non dimenticava la mamma lontana
che lo avrebbe amato per sempre.

Roma, 10-21 maggio 2013


A FONTE NUOVA

Cara Mamma,
negli ultimi mesi sei stata spesso
ospite nella Casa di Riposo 鏑a Meridiana
di Fonte Nuova; la vita ci ha negato cos
anche i nostri brevi incontri
che ci davano tanta gioia.
Io ti penso sempre
e prego spesso il Signore
che ci dia la forza di andare avanti.
Leandra lontana e io non sto bene,
ma ti sono vicino come posso col telefono.
Mi conforta sentirti quasi sempre serena
e sapere che sei in un posto accogliente.
Presto torneremo a vederci,
spero pi spesso di prima
e vivremo insieme tante ore felici.
Tu l dove sei mangia delle buone cose,
fai delle passeggiate in giardino,
col fresco, leggi i giornali che Laura ti invia,
distraiti con gli altri ospiti e con la TV.
Pensa che ti sono vicino ogni minuto
con il cuore e con lo spirito;
ama la vita e spera sempre bene
perch i giorni pi belli debbono
ancora venire, attendili con fiducia.
Stare al mondo per me non stato facile,
ma non ti ho mai dimenticata.
Sei il mio sostegno pi valido,
con te condivido le gioie e gli affanni,
perch sei l置ltimo rifugio, il pi sicuro.
Con affetto infinito
tuo Amedeo

Roma, giugno-luglio 2013


UN GELATO ALLA FRUTTA

A Ostia i momenti pi belli
sono quando alla sera prendiamo un gelato
da Gelosia a piazza Tor San Michele.
Sul bancone le vaschette presentano tanti gusti
dai colori diversi ed invitanti; Laura chiede
una coppetta con cocomero, melone ed ananas,
io preferisco un cono con fico e frutti di bosco.
Ci sediamo sulla panchina di fronte alla piazza
e consumiamo soddisfatti i nostri gelati.
Il locale a quest弛ra ha pochi clienti
perch le persone sono quasi tutte a cena
ed anche le strade sono poco frequentate.
C定 ancora la luce del giorno
ma l誕ria pi fresca.
Forse la felicit un gelato alla frutta
gustato insieme sotto un cielo sereno.
Guardo oltre la strada il mare grigio ed azzurro.
Per un attimo ripenso al passato. A Pescara mio padre
la sera comprava una vaschetta di gelato
per tutta la famiglia alla Gelateria della Pineta
con il commovente entusiasmo di un bambino.
Quelle occasioni felici non le scorder mai.
Infine andiamo a passeggiare sul lungomare
illuminato dalle insegne al neon
e ci lasciamo conquistare dal fascino
di queste serate estive, che ha resistito
miracolosamente alla crisi economica.
Speriamo che in futuro per noi
ci siano ancora dei gelati alla frutta
per allietare tante, fantastiche estati.

Roma, 20-24 luglio 2013


LUGLIO 2013

Quest誕nno come molti altri Romani
a luglio Laura ed io siamo rimasti in citt
a causa degli impegni che abbiamo.
Sono giornate piene, interminabili,
rese impossibili da un誕fa soffocante.
Verso le 11 del mattino ci rechiamo
a piazza Regina Margherita
per una pausa fresca e distensiva.
Questa piazza abbastanza grande,
tranquilla, con ampi spazi pedonali,
abbellita da alcuni anni con aranci selvatici
e con delle panchine in muratura;
l誕rea delimitata da palazzi d弾poca,
intorno si affacciano degli esercizi pubblici.
La nostra meta preferita il Bar Mapi,
dove spesso consumiamo
la colazione o un piccolo spuntino.
I proprietari, i coniugi Mario e Pina,
con il loro encomiabile amore per il lavoro
hanno creato un ambiente simpatico
e familiare. Seduti a un tavolino all誕perto,
siamo finalmente sereni.
Penso che basta poco per essere felici,
ma spesso ci amareggiamo senza motivo.
Guardo Laura che sorride spensierata;
giuro dentro di me che difender
il nostro amore dal mondo
e da noi stessi, dalle abitudini
che uccidono la tenerezza,
dai mille problemi che spesso
ci fanno dimenticare che la vita
fugace come un soffio di vento
e perci va goduta giorno per giorno.

Ostia, Roma, 3-16 agosto 2013


SOGNO

La sera chiudo gli occhi stanco
e finalmente mi addormento.
Un sogno ogni notte viene a confortarmi.
Vedo una donna stupenda,
un angelo dai capelli d弛ro
con gli occhi profondi come il mare,
che indossa una candida veste
sotto la quale si delineano
delle incantevoli, morbide forme.
Tu, angelo mio, col tuo grazioso sorriso
mi rallegri solo a guardarti;
a volte mi chiami per nome
donandomi una sensazione meravigliosa.
Insieme passeggiamo felici
in un verde giardino dove ammiriamo
dei fiori dai colori vivaci;
l ci scambiamo dolci parole
e tenere frasi d誕more.
Ma quando cerco di accarezzarti
mi sfuggi sempre e ti dilegui
come la nebbia al sorgere del sole.
ネ inutile cercarti nelle strade della citt,
non ti incontrer mai nella vita reale,
tu esisti soltanto nella mia fantasia.
Sei solo un sogno, un sogno segreto,
ma doni al mio cuore di nuovo la speranza,
mi fai amare ancora la vita, e per magia
illumini il silenzio di questa notte senza stelle.

Roma, Ostia, 16 agosto-09 settembre 2013


LULTIMO GIORNO

Erano passate da poco le dodici;
quella volta Giovanni non aveva fame.
Era a letto ormai da un mese;
aveva speso tutte le energie
e si era rovinato la salute
per assistere con altruismo
la moglie malata da tanti anni,
senza abbandonarla un solo giorno.
Certamente non guardava il bel sole di gennaio
che entrava dalla finestra sulla strada,
n faceva caso alle persone che lo assistevano;
rifiut anche il solito pasto preparato per lui.
A tratti socchiudeva gli occhi, ma non dormiva,
forse ricordava i giorni lieti del passato,
quando da giovane andava a passeggio
con la moglie elegante e la loro bambina
meravigliosa e felice, che camminava fra di loro.
Nella vita aveva pensato sempre a tutti,
ma troppo poco a s stesso,
felice del bene che faceva agli altri.
Con tanti anni di sacrifici estenuanti
aveva dato una testimonianza sublime
di cosa vuol dire onorare il sacro giuramento
del matrimonio e il significato di parole
elevate quali fedelt ed amore.
Quello ormai era il suo ultimo giorno
su questa terra, ed il primo dell弾ternit;
sarebbe entrato nel paradiso degli uomini giusti,
dove finalmente avrebbe riposato in pace.

Ostia, Roma, 21-27 settembre 2013


LA MADONNA DAL MANTO CELESTE

La Chiesa di San Giuseppe al Nomentano,
armoniosa e raccolta, mi molto cara.
Fu edificata nei primi anni del Novecento
in stile romanico-primitivo ed ospita
una statua della Madonna dal manto celeste.
Ho venerato questa effige fin dall誕dolescenza;
in questi giorni vado spesso a contemplarla
e dinanzi a Lei provo una grande serenit.
Al mattino le navate sono ancora in penombra,
io accendo un cero votivo alla Santa Vergine.
Ella ha sotto i piedi il serpente biblico,
indossa una veste bianca e sembra benedirmi;
nel silenzio di quegli attimi
la accarezza dolcemente un raggio di luce.
Ricordo che un tempo mi rivolgevo alla Madonna
per i problemi riguardanti i miei studi,
la pregavo per la mia famiglia
e per le prime esperienze sentimentali.
Oggi le parlo soprattutto del mio matrimonio,
messo alla prova dalle inevitabili difficolt della vita,
dell誕more per Laura che sta rinascendo
tra i colori caldi e grigi dell誕utunno.
Spero che il prossimo aprile festeggeremo
l誕nniversario del nostro primo incontro
sereni come non lo siamo stati da anni,
lieti come in quel tempo fulgido e lontano
che ricordiamo ancora commossi.
Allora speravamo che la vita
ci avrebbe donato tanti giorni meravigliosi.
Molti di essi ormai sono trascorsi,
ed altri ancora verranno,
col l誕iuto della Vergine Celeste,
che mi sorride soavemente
e mi fa confidare in un futuro felice.

Roma, ottobre 2013


SUGGESTIONI ALL但LBA

Alle 4 e mezza del mattino mi alzo
e mi vesto al buio, per non svegliare Laura.
Vado in cucina e accendo l誕ria condizionata.
Prendo libri e giornali; sul tavolo
studio farmacologia, poi le opere del Pascoli,
leggo 典V Sorrisi e Canzoni e 的l Tempo.
C定 il silenzio pi completo. Finalmente siedo
davanti alla TV; guardo un film degli anni 80
e alcuni video musicali molto vivaci.
Mi preparo con cura un t al limone
o al latte con dei biscotti dolci.
Verso le 6 tiro su la serranda della finestra.
ネ ancora notte. Ogni tanto guardo fuori.
Ad un tratto il cielo si rischiara; l誕lba.
Oggi c定 molta nebbia. Sono sereno,
so che il nuovo giorno non mi dar
pi gioia dei ricordi degli anni trascorsi.
La nebbia lentamente si dirada;
si delineano i contorni dei palazzi,
degli alberi, della strada deserta.
Spengo la luce. Dalla finestra entra
un tenue chiarore che accarezza
l段nterno della cucina, dove tutto sembra irreale.
In televisione Little Tony canta 迭ider熹,
inno appassionato alla giovinezza e all誕more.
Sfoglio con nostalgia il libro della memoria
del quale amo ogni pagina, ogni giorno, ogni istante.
In questa alba solitaria il pensiero vaga lontano;
torno a rimpiangere le cose del passato
che allora non sono riuscito a capire.
Infine trovo la felicit che ho cercato
invano per tanti anni credendo in falsi miti;
mentre nasce il nuovo giorno, comprendo
che la mia vita stupenda e irripetibile.

Roma, 23 dicembre 2013-01 gennaio 2014


A PORTA PIA

I primi ricordi della mia vita
sono legati a una piccola casa
di ringhiera nella zona di Porta Pia,
posta al terzo piano, dove vivevo con i miei.
Per noi fu un periodo molto felice
per le speranze che nutrivamo
e per l誕ffetto profondo che ci legava.
Mio padre era impiegato presso la Sede
della Banca Commerciale Italiana.
La sera, quando tornava dal lavoro,
stavamo accanto a lui in silenzio
perch era stanco e soffriva molto
per i segni che la guerra aveva lasciato
sul suo fisico. Per essi non aveva chiesto
la pensione di invalidit, che gli spettava,
菟er non mettersi addosso il vestito da malato.
Mia madre faceva la maestra elementare a Talocci,
una frazione di Fara Sabina in provincia di Rieti
e rientrava a casa verso le tre del pomeriggio.
Io ero orgoglioso dei miei genitori,
perch lavoravano tanto ed erano stimati da tutti.
Mia sorella era molto affezionata a me,
ma era un po prepotente
come molti figli maggiori.
Quando avevo tre anni lei cominci ad andare a scuola
ed io volli rimanere a casa da solo;
ogni tanto una buona vicina veniva a darmi uno sguardo.
Inizialmente ebbi paura, ma poi la superai.
Per me quella casa era il sacrario
della mia adorata famigliola
ed io ne ero il piccolo, coraggioso custode.
L誕ppartamento era angusto e disadorno,
ma dava su un balcone abbastanza ampio
con una tenda verde e dei graziosi vasi di gerani.
Da esso io mi affacciavo spesso per guardare
il cortile sottostante, nel quale c弾ra una officina per auto;
i meccanici mi salutavano sorridendo
e col loro affetto mi davano un grande conforto.
Inoltre mi facevano compagnia pochi soldatini,
alcuni fogli di carta, una penna e la mia fantasia.
Spesso mi telefonava o veniva a farmi visita
zia Derna, che abitava a Centocelle;
lei aveva per me un affetto infinito
e mi chiamava sempre 妬l figlio della zia.
Di quel periodo ricordo molto bene
la nostra frequenza alle Sante Messe
nella vicina Chiesa di Santa Teresa,
le passeggiate domenicali a Villa Borghese
e a Villa Paganini, i maritozzi con la panna
acquistati in un negozio di via Ancona,
che dividevo a met con mia sorella Leandra.
La domenica pomeriggio quasi sempre mia madre
rimaneva in casa per dedicarsi alle faccende domestiche,
ma era felice di sacrificarsi per la famiglia.
Qualche volta Leandra ed io accompagnavamo pap
in un bar latteria in via Paoletti
dove giocava a carte. Eravamo fieri di lui
perch vinceva sempre, grazie alla sua memoria.
Quella casetta che io amavo tanto
vedeva un po di sole d弾state; nelle altre stagioni
era umida e fredda. Io ero spesso malato
e mio padre pens di cambiare domicilio.
Questa decisione la accettai di buon grado
perch speravo che altrove sarei stato meglio in salute.
Si chiuse cos il primo capitolo della mia vita,
che io ricordo come un sogno lontano.

Roma, gennaio-febbraio 2014


Se sei interessato a leggere l'intera Opera e desideri acquistarla clicca qui

Torna alla homepage dell'Autore

Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Chi siamo
La Rivista
La voce degli Autori
Tutti i nostri Autori
Per iscriversi
ClubNews
Il notiziario gratuito
Ultimi inserimenti
Homepage
Avvenimenti
Novit & Dintorni
i Concorsi
Letterari
Le Antologie
dei Concorsi
Tutti i nostri
Autori
La tua
Homepage
su Club.it