Una piccola rosa

di

Eva Amore


Eva Amore  - Una piccola rosa
Collana "I Gigli" - I libri di Poesia
14x20,5 - pp. 82 - Euro 8,50
ISBN 978-88-6587-6893

Clicca qui per acquistare questo libro

Vai alla pagina degli eventi relativi a questo Autore


In copertina: «Rose» © Marty Kropp – Fotolia.com


Una piccola rosa


Freddo mondo

Freddo! Freddo
intorno. Il cielo
grigio lassù,
sembra ormai vuoto.
Nuvole tetre s’addensano
portando messaggi
di morte.
Freddi questi volti
ormai spogliati di tutto,
questi sguardi
che fissano vuoti
l’oggi e il domani.
Ma io credo che
un giorno
un’aurora di luce
spunterà sulla terra.


A Cuba

Com’era stupenda Cuba
tra le placide
onde dell’oceano
come donna
che si crogiola nel sole!
Fascinoso splendeva il paesaggio,
come vela al vento dondolava
la tropicale flora.
Come giaceva strozzata Cuba
dal potere dominante,
dall’arroganza Yankee!
Nei ricordi era vivo il Che.
Il suo pugno serrato
colpiva ancora
tutti i lestofanti della storia
per difendere
i e le diseredate della terra.

Come tra la luna e le stelle
danzava Cuba!
Vibrava di passione
la sua musica.
Si stendeva misteriosa,
incantata la sua notte.
Com’era povera e crucciata Cuba!
Ma come accarezzava d’amicizia!
Mi stringeva tra le braccia
tutta calda.
Azzurro invitava il mare.


Vola preghiera

Vola colomba della mia preghiera,
tra il mistero di luce
dell’incanto supremo;
il tormento e la gioia
dell’attesa del cielo.
Vola tra le stanche larve
che strisciano sulle tombe del nulla;
e le deboli nane raggiunte
dalle vampate di fuoco
dei draghi della storia.
Vola tra i seguaci
degli umani vizi,
i cadaveri dei peccati del mondo.

Va’ tra le tormente di dolore
che squarciano il tempo,
i tripudianti concerti
inneggianti alla vita.
Vola tra i semplici, puri agnelli/e
che brucano amore
sui prati della grazia,
tra le pallide, tremanti, virtù assediate.
Vola tra i leoni ruggenti,
le smunte, divorate gazzelle:
porta l’ulivo della verità
che proviene dal sole.


A Perla, la mia gatta

Accarezzavi l’ulivo del mio silenzio
con la musica
delle tue fusa in festa.
Per la strada, di soppiatto,
mi seguivi
verso il mondo
misterioso di mia madre.

Quieta ti sdraiavi,
sonnecchiante sotto la luce
e l’ombra della stella.
Il tuo fiuto felino
ti destava,
quatta, quatta, strisciante
ti allungavi
e come tigre balzavi
sulla preda.
Eri tu, domestica, selvaggia,
eletta regina della casa.

Intrisa dal retaggio
degli umani,
ti ha ghermita
una loro malattia.
Ora il tuo tempo
è diventato polvere:
non avevi un’anima
per volare via.


Haiti

Haiti più non sei la rara perla
sgorgata dal mare della bellezza.
Non sei oasi ridente
di profondi incantati sguardi.

Il tuo cielo rispecchia
la melma fetente in cui sguazzano,
esiliati dai sogni, le tue frotte
di bimbi e di bimbe orfane d’amore.
E tra i detriti del rancore
si sfama la gente chiusa
in una prigione di miseria e oblio.
Le figlie di Eva,
con le anfore del dolore, affondano
tra le sabbie mobili della violenza.
Le orde dei corsari del male
senza freni impazzano
tra le dolenti stagioni.
La polvere degli allucinati desideri
transita tra le turpi branchie
degli squali della ricchezza
e l’inferno di Baltasar e di Satana
sembra schiudersi con la nera magia.

Ma sulla sommità della speranza
fioriscono i gigli della carità.


A Bernardo

La notte stendeva
i suoi silenzi,
per riposare
le corse degli affanni.
I sogni danzavano nel vento
i fiori e le spine
della vita.

Tu, nei candidi voli
delle tue tante primavere,
andavi incontro
alla luce dell’aurora.

Fiamme impazzite
d’improvviso divamparono,
il fumo acre soffocò
il tuo respiro vitale.

Ma il frumento
della tua anima,
non si è disperso
con in tempo;
La Contadina del cielo
l’ha raccolto:
sarà pane bianco
del Paradiso.


Morte sul lavoro

Non cantasti come usignolo
da quell’albero di cemento.
Non ti librasti come un airone
ansioso di sfamare i piccoli.
A fetidi cuori rapaci
ti sei affidato
per giungere al culmine
della tua speranza
e come un fagotto di oblio
ti sei sfracellato
tra le pietre dell’egoismo.

La valanga del dolore
travolge la tua tana ridente,
rigagnoli di lacrime scorrono
sul tuo sangue innocente.

Nella tomba aperta del tempo
giacciono gli e le agnelle immolate
sull’altare della cupidigia.
Con te nel silenzio urlano
per squarciare l’indifferenza.


Il vecchio

Tra il crepitio caloroso
e il frutto squisito della festa,
come nuvole bianche
passano nel tuo cielo
sogni meravigliosi
cullati nella tua primavera
e cantanti d’estate
in miriadi di voli.

Nell’autunno del tempo,
dal tuo albero
tristemente cadono
le speranze terrene.
L’inverno ghiacciato
seppellirà tutto
nella notte del mondo.

Ma dalla terra
irrigata dal pianto
sboccerà il fiore
della divinità.


Al e alla volontaria

Tu lasci le soffici poltrone
dove si sprofonda l’Io,
il fumo delle corse
sulle giostre mondane
e vai dove la voce
del bisogno chiama,
dove fioriscono le piaghe
della storia.

Non ti cattura
il laccio del denaro,
non ti seduce
il mito della gloria.
In silenzio t’affatichi e sudi,
di nascosto curi le ferite
e, sordo/a alla sirena del benessere,
porti il sole
dove la notte impera.

Tu fratello e sorella
dell’umana avventura
siete la fonte pura della carità.
Seguite le orme
di Gesù, l’agnello
fattosi cibo per l’umanità.


Ricordando Beslan

Da quando l’innocente volo
verso l’arcobaleno del sogno
degli angioletti di Beslan
è stato abbattuto
dai seguaci della morte,
da quando le dolci donne
non possono più accarezzare
i riccioli del Paradiso,
un’immensa nuvola di dolore
ha invaso il cielo sereno
di Beslan.
L’acqua dei pozzi straripa
densa, amara di lacrime.
Sui volti distrutti
dalle esplosioni dell’orrore,
non si sparge più
il miele del sorriso.
Lo sfavillante astro
non scioglie le tempeste di ghiaccio
scatenate nei cuori.

Ma il fiume disperato
della pena,
pian piano scorre
verso il mare dell’oblio.
Il buio gelido della notte
si scioglierà
in una primavera di luce.


Se sei interessato a leggere l'intera Opera e desideri acquistarla clicca qui

Torna alla homepage dell'Autore

Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Chi siamo
La Rivista
La voce degli Autori
Tutti i nostri Autori
Per iscriversi
ClubNews
Il notiziario gratuito
Ultimi inserimenti
Homepage
Avvenimenti
Novità & Dintorni
i Concorsi
Letterari
Le Antologie
dei Concorsi
Tutti i nostri
Autori
La tua
Homepage
su Club.it